Archivio Novembre 2019

Origini e azioni future del progetto #MPF

È fatta! Sono arrivate le borracce del Progetto MontessoriPlasticFree: sono già in distribuzione!!! Ci piacciono tanto perché sono eleganti, comode e contribuiscono alla nostra identità collettiva. La nostra è una comunità di  bambini e bambini, ragazzi e ragazzi, docenti, personale ATA e collaboratori scolatici impegnati su temi di attenzione e sostenibilità ambientale, desideriamo combattere lo spreco e il consumo della plastica, la vera emergenza ambientale del nostro tempo!
Con questa prima azione del progetto (che si situa dentro il progetto PlastiFree del MinAMBIENTE), patrocinato da Legambiente, Fondazione Chiaravalle Montessori, Opera Nazionale Montessori, Comune di Chiaravalle e con il supporto scientifico del Centro di Ricerca Del Dipartimento di Scienze dell’Educazione di Bologna, CREIF, abbiamo potuto raccogliere 1600 euro.
Questo denaro verrà, in gran parte, investito per l’acquisto di asciugamani elettrici da installare nei bagni della scuola. Eviteremo così anche lo spreco della carta! L’idea nasce da un lavoro di ricerca svolto lo scorso anno dai nostri studenti del Consiglio Comunale dei Ragazzi. A chi pensa che il dispendio energetico sia troppo alto rispondiamo che il nostro Istituto è dotato di pannelli fotovoltaici. Pertanto anche questa iniziativa sarà GREEN!
Pieni di entusiasmo vogliamo ringraziare tutti i partner del progetto, le famiglie, il Comune di Chiaravalle, la Fondazione Chiaravalle Montessori,  la Scuola Primaria Di Spinetoli, il personale del Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna e  il Dipartimento Educazione e Scienze Umane di Reggio Emilia. 
 

“Go Blue” 2019:

Chiaravalle si illumina per i diritti dei bambini

In occasione del prossimo 20 novembre, per celebrare la Giornata mondiale dell’infanzia e i 30 anni dall’approvazione da parte delle Nazioni Unite della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, l’UNICEF invita tutti i Comuni d’Italia ad illuminare di blu un monumento simbolico della propria città, per ricordare l’importanza di promuovere e tutelare i diritti di ogni bambino, bambina e adolescente. Chiaravalle non si è tirata indietro e, con la città, la nostra scuola, attiva nel progetto “Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti”,  ha fatto la sua parte! GO BLUE! 

 

1989-2019: 30 anni di diritti

30 anni di DIRITTI?

Montessori ha lavorato per il riconoscimento dei DIRITTI dell’infanzia fino a scrivere una lettera all’UNESCO dal titolo: “Il cittadino dimenticato” in cui ricorda, negli anni ’50, che c’è ancora un cittadino senza diritti riconosciuti! Dobbiamo aspettare il 20 novembre del 1989 perchè le bambine e i bambini siano riconosciuti “portatori individuali del proprio diritti”… sulla carta!
E nelle nostre strade? E  per le vie, vicine e lontane? Sono riconosciuti e rispettati i diritti riconosciuti?
Il nostro impegno di adulti “dalla parte dei bambini e delle bambine” non si arresta!
“ci sono due forze nella vita umana: quella riguardante il periodo della formazione stessa dell’uomo (il bambino) e quella riguardante le attività sociali costruttive (l’adulto) e che sono così fortemente integrate l’una dall’altra, che trascurando l’una non si può giungere all’altra; non si considera che per arrivare ai diritti dell’adulto bisogna passare attraverso il bambino. […] Se si sono riconosciuti i diritti degli operai, bisogna riconoscere la dignità del lavoratore che produce l’uomo”(M. Montessori, Il cittadino dimenticato, in “Vita dell’infanzia”, a.I, n.1, gennaio-febbraio 1952, p.4).

La nostra scuola aderisce al Progetto “Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti”, che vede la collaborazione tra l’UNICEF Italia e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Il progetto è finalizzato ad attivare prassi educative volte a promuovere la conoscenza e l’attuazione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Questi i lavori prodotti dai nostri bambini e dalle nostre bambine intenti a riflettere sui loro stessi diritti!


Ritiro Borracce

E’ arrivato un carico con parte delle borracce (per ora le ENERGY, cioè quelle termiche), design Guzzini, disegnate in occasioni del 150° anniversario della nascita di Montessori. 
Le persone che le hanno ordinate potranno ritirarle da lunedì prossimo (abbiamo bisogno di qualche giorno per organizzare la distribuzione, grazie per la comprensiva collaborazione!). 

Da lunedì potranno essere ritirate le ENERGY (termiche), verso il 10 dicembre arriveranno anche le EVERYDAY (non termiche). 

Consigliamo  a chi ha fatto un ordine misto (cioè ha ordinato alcune borracce ENERGY, alcune EVERYDAY) di ritirare l’intero ordine dopo il 10 dicembre ’19. 

Ringraziamo chi ha offerto il contributo con cui verranno finanziati nuove azioni del progetto di sostenibilità ambientale e non solo! Speriamo che l’elegante, leggera e comoda borraccia possa essere un simbolo e un monito di attenzione per l’ambiente. 

MontessoriPlasticFree

organizzazione ritiro borracce

E’ arrivato un carico con parte delle borracce (per ora le ENERGY, cioè quelle termiche), design Guzzini, disegnate in occasioni del 150° anniversario della nascita di Montessori. 
Le persone che le hanno ordinate potranno ritirarle da lunedì prossimo (abbiamo bisogno di qualche giorno per organizzare la distribuzione, grazie per la comprensiva collaborazione!). 

Da lunedì potranno essere ritirate le ENERGY (termiche), verso il 10 dicembre arriveranno anche le EVERYDAY (non termiche). 

Consigliamo  a chi ha fatto un ordine misto (cioè ha ordinato alcune borracce ENERGY, alcune EVERYDAY) di ritirare l’intero ordine dopo il 10 dicembre ’19. 

Ringraziamo chi ha offerto il contributo con cui verranno finanziati nuove azioni del progetto di sostenibilità ambientale e non solo! Speriamo che l’elegante, leggera e comoda borraccia possa essere un simbolo e un monito di attenzione per l’ambiente. 

I Pacifici… in movimento!

Lo scorso 24 ottobre una curiosa carovana ha silenziosamente invaso le strade principali della nostra cittadina: la carovana dei Pacifici!

Per riflettere sui valori dell’inclusione, della solidarietà e della cittadinanza attiva per il progetto accoglienza di quest’anno il nostro istituto ha infatti aderito alla realizzazione della carovana dei Pacifici (sagome di donne e uomini nate dalla mano di Roberto Papetti per ricordare la figura e l’operato di Mario Lodi), a sua volta progetto della Rete di Cooperazione Educativa, promosso da Emanuela Bussolati e Luciana Bertinato (https://www.giuntiscuola.it/lavitascolastica/magazine/articoli/costruiamo-i-pacifici/).

 

Ogni alunno ha costruito e decorato il proprio Pacifico per testimoniare la delicata forza e determinazione della pace, che non scoppia come la guerra ma si coltiva come un fiore; il passo successivo è stato quello di portare fuori dall’aula scolastica il proprio Pacifico.

Dunque, grazie alle alunne e agli alunni delle classi quinte B e C, la carovana dei Pacifici ha raggiunto piazza Mazzini, dove sorge il Monumento ai Caduti della prima e della seconda guerra mondiale e la Casa Natale di Maria Montessori, per proseguire verso l’Abbazia Cistercense e passare di fronte alla targa commemorativa del bombardamento del 17 gennaio 1944 e terminare di fronte all’edificio sede del nostro Comune. Ultima ma non ultima tappa del percorso è stata la nostra scuola, che (ri)sorge dalle macerie dell’ospedale che venne distrutto nel bombardamento appena ricordato.

 

C’è speranza se accade.

 

 

L’uva… dal vero!

3B

I bambini e le bambine della classe 3b hanno osservato e conosciuto l’uva in tutte le sue forme: dal frutto hanno ricavato il mosto che, a seguito della fermentazione alcolica, è diventato vino. Grazie ad esperimenti e all’ausilio del microscopio i bambini e le bambine hanno scoperto ed apprezzato il contribuito prezioso anche di microorganismi non visibili ad occhio nudo, i saccaromiceti. In fondo, nessuna descrizione, nessuna immagine di libro può sostituire la visione reale della natura con tutta la vita che si svolge in essa…

 

LIVING OR NON LIVING

3B


Dopo aver partecipato ad una caccia al tesoro nel giardino della scuola alla ricerca di alcuni elementi dati, i bambini delle classi terze lavorano individualmente sulla classificazione degli elementi in viventi e non viventi.

Solidi… geometrici

La conoscenza è un bellissimo viaggio fatto di osservazione, esperienze, tentativi e scoperte.

Autunno in IIIB

Con il sottofondo de “L’autunno” di Vivaldi i bambini hanno realizzato le loro personali rappresentazioni grafiche ispirandosi a foto e quadri d’autore.